Il Barbone: cos'è e com'è

Tra le infinite descrizioni del Barbone che possiamo trovare sui più autorevoli (e non) libri di testo, oltre che sulla rete, sarebbe opportuno fare riferimento a quella dello Standard Ufficiale che l’ENCI riporta fedelmente sul suo portale e che dovrebbe essere il principale punto di riferimento di chi alleva questa razza.

È una descrizione meticolosa, anche se un po’ asettica, dove minuziose particolarità vengono considerate pregi o difetti della razza.

Alcune caratteristiche, trattate in parte meno rilevante riguardano invece l’aspetto caratteriale. Grande attenzione viene posta alle proporzioni; ad esempio quella tra muso e cranio, tra testa e corpo, quella della lunghezza delle orecchie, l’angolazione delle zampe posteriori e chi più ne ha più ne metta.

Chi però non ha interesse a cercare il proprio cucciolo con il centimetro alla mano, riporto una straordinaria descrizione tratta dal libro Piacere di conoscerti di Elena Garoni, dove viene estrapolata, a mio avviso, la vera essenza di questa magnifica razza.

barboncino toy dell'allevamento Maatilayla

Non si può essere vaghi quando si ha un Barbone.

Quanto è grande? È grande mole, media mole, nano, toy?

E il colore? Bianco, marrone, nero, argenteo, grigio argenteo, grigio-beige, rosso, beige, crema, albicocca, blu, champagne, cioccolato, caffelatte, pesca?

Magari è multicolore, come piace negli Stati Uniti, e potrete definirlo panaché, come la birra con la gazzosa?

È un riccio classico o è un cordato e lo scambiano ignominiosamente per un Pastore bergamasco?

E la toelettatura? Alla leoncino, alla maniera moderna, all’inglese o puppy?

E non si pensi che la toelettatura sia nata per intenti puramente estetici!

Serviva per le attività in acqua. Il pelo lungo sulla testa e sul tronco proteggeva le parti più delicate esposte al raffreddamento, mentre il pelo rasato sui posteriori fino alle costole consentiva al cane una più lesta e agevole uscita dall’acqua, senza il peso del pelo imbibito.

Diretto discendente del Barbet, e quindi un gran lavoratore, lascia la campagna dove stana le anatre e le porta fuori dagli stagni, per entrare algido nei salotti nobili e nelle corti di tutta Europa, e viene rappresentato nei dipinti in braccio alle damine e languidamente adagiato sui sofà.

Con la Rivoluzione francese accompagna sulla via dell’esilio i suoi nobili padroni e si fa conoscere in tutta Europa e poi negli Stati Uniti.

Dopo la seconda guerra mondiale, e il successivo boom economico, è fra i primi a entrare nelle case come cane di famiglia e ancora adesso non riesce a essere spodestato del tutto dal suo ruolo, a dispetto dell’arrivo di Jack Russel e Bouledogue francesi.

Noi, cresciuti con i cartoni animati giapponesi, non riusciamo a slegare l’immagine del Barbone da Dolce Remì e dal suo cagnetto bianco travestito da circense, anche se veniamo presi da una straziante malinconia e da un senso disperato di ingiustizia verso il mondo.

Ma da Capi, barboncino bianco, abbiamo imparato a non sottovalutare mai i batuffoli di pelo, perché sono in grado d’imparare tutto, e con loro si può sopravvivere alle peggiori disgrazie

La motivazione sociale interspecifica è lo strumento che ha permesso ai Barboni di trovarsi a loro agio negli affollati palazzi nobiliari dei secoli passati, sui tram della frettolosa Milano e sulle lente passeggiate del lungomare ligure.

Con i loro conspecifici ci sanno fare con sicurezza, sostenuti da un’ottima comunicazione, ma spesso sono ostacolati dalle toelettature da esposizione, che li rendono più simili a pupazzi semoventi che a cani con una ferma dignità.

Il loro tratto più straordinario è senz’altro la motivazione collaborativa, che questi cani intendono come stare insieme a qualunque costo.

La collaborazione è strettamente legata alla motivazione affiliativa, con un sentimento vicino alla devozione.

Imbastiscono una relazione figliale quando entrano in casa da cuccioli, e in condizioni di sviluppo comportamentale equilibrato sono in grado di divenire compagni e poi genitori loro stessi, versatili ad assumere ruoli diversificati e adeguati.

La libertà di crescere, di passare da cuccioli a individui adulti, non è scontata all’interno di una relazione come quella che noi umani costruiamo dentro le strette mura domestiche.

I nostri connotati iperprotettivi, che si intensificano quando i loro tratti neotenici sono particolarmente vividi, accesi dagli occhioni, dal pelo morbido e dalla inusitata gaiezza, sono la causa più comune del mancato raggiungimento del completamento della maturità sociale.

Rischiano di rimanere dipendenti dalla nostra presenza; ed ecco allora che la motivazione affiliativa può prendere dei tratti ossessivi, e questi cani non riescono a stare soli neppure il tempo che occorre a portar giù la pattumiera, e diventano spesso i protagonisti involontari di scenate davanti all’amministratore condominiale per disturbo della quiete.

Molti di loro rimangono imprigionati in un ruolo riduttivo di bambini di famiglia, anche quando raggiungono i sette anni, e faticano ad affrontare il disagio di stare lontani dal loro gruppo.

Il rischio, dunque, è di passare da cani devoti a pazienti con disturbo dell’attaccamento.

La responsabilità della famiglia umana, dunque, è di sfuggire alla trappola tesa dalla selezione di razza e dalle nostre caratteristiche umane di forsennata epimelesi (quell’impulso che soprattutto i mammiferi sociali provano trovandosi di fronte a un essere vivente, anche di specie diversa, che in qualche modo riproduce le fattezze del neonato e che li induce a non attaccarlo, anzi a prendersene cura) – Linguaggio tecnico… o cinoegizio? 

Ma come si fa a diventare grandi?

Una buona autostima, delle giuste frequentazioni, delle esperienze guidate ma autonome, un discreto bilanciamento fra cautela e coraggio, la conquista della fiducia dei referenti, la possibilità preziosa di fare degli errori, e di esserne perdonati. Tutti i cani ce la possono fare, a qualunque età comincino.

La domanda vera è: noi, compagni umani, siamo certi di desiderare davvero che loro siano felici anche senza di noi?

Allevamento Maatilayla

logo dell'allevamento Maatilayla

“Allevare con coscienza e serietà è una missione e spesso disattende le aspettative economiche che immaginiamo potrebbero derivare da questa professione. Il mio motore è la continua ricerca, attraverso un attento lavoro di selezione, nel dare sempre più valore a questa razza che ritengo essere già perfetta, sia nell’aspetto morfologico quanto in quello caratteriale”

Layla Zarfati

Riconosciuto

enci e fci logo orizzontale

Contatti

Icons-Pawsitive+39 338 761 762 8
Icons-Pawsitive[email protected]
Icons-PawsitiveStrada Vicinale Pianamola 6 01030 Bassano Romano (VT)

Dove siamo

mappa di google

© 2018 – 2021 Maatilayla | Tutti i diritti riservati

Designed and Developed by MDESIGN

bt_bb_section_top_section_coverage_image

Allevamento Maatilayla

logo dell'allevamento Maatilayla

“Allevare con coscienza e serietà è una missione e spesso disattende le aspettative economiche che immaginiamo potrebbero derivare da questa professione. Il mio motore è la continua ricerca, attraverso un attento lavoro di selezione, nel dare sempre più valore a questa razza che ritengo essere già perfetta, sia nell’aspetto morfologico quanto in quello caratteriale”

Layla Zarfati

Riconosciuto

enci e fci logo in verticale
enci e fci logo orizzontale

Contatti

Icons-Pawsitive+39 338 761 762 8
Icons-Pawsitive[email protected]
Icons-PawsitiveStrada Vicinale Pianamola 6 01030 Bassano Romano (VT)

Dove siamo

mappa di google

© 2018 – 2021 Maatilayla | Tutti i diritti riservati
Privacy Policy | SitemapRegistro Allevatori Note legali
Designed and Developed by MDESIGN

bt_bb_section_top_section_coverage_image